Miele d'Acacia

Ha un sapore delicato e molto dolce. È particolarmente apprezzato per la sua fluidità dovuta all’alta concentrazione di fruttosio (60% circa): è quindi il miele più raccomandabile ai diabetici leggeri. Il Miele di Acacia rinvigorisce, riequilibra l’acidità dello stomaco, aiuta a disintossicare il fegato ed a sfiammare la gola. Possiede proprietà lassative. Per il suo sapore delizioso e la facile miscibilità, è il miele più indicato come dolcificante.

Miele di Castagno

È indicato a chi ama un miele di carattere forte, di sapore non troppo dolce. Grazie all’alto contenuto di sali minerali, il Miele di Castagno è raccomandabile in tutti i casi di cattiva circolazione e previene trombosi, tromboflebiti e vene varicose; è anche disinfettante delle vie urinarie. È indicato inoltre nelle affezioni dell’apparato respiratorio. Il suo consumo è consigliabile a tutte le persone anemiche, affaticate e a quelle che vogliono ingrassare.

Miele di Fiori

Ha origine da una grande varietà di pollini. Sono possibili miscugli infiniti, a seconda delle fioriture caratteristiche delle zone in cui l’apicoltore opera con le sue api. Il nostro Miele di Fiori viene ottenuto in prevalenza dal nettare di trifoglio, erba medica e tiglio. È di sapore delicato e di gusto poco pronunciato, senza particolare retrogusto.

Miele con Fiori di Rosmarino

Ha un sapore aromatico leggermente amarognolo. Il suo uso è consigliato in caso di una qualsiasi sofferenza epatica. Per la sua particolare capacità di stimolante può rappresentare un aiuto per le persone stanche con stress nervoso. Il Miele di Rosmarino viene anche in aiuto a stomaco ed intestino: combatte le flatulenze, le fermentazioni, la colite.

Miele con Fiori di Giuggiole

Di colore ambra intenso, profumo marcato, di carattere forte e aromatico. Viene prodotto con il polline di una pianta assai diffusa sui Colli Euganei, in particolare nella zona di Arquà Petrarca. Il giuggiolo, originario dell’Asia Orientale, produce frutti simili a dei datteri, che hanno proprietà medicinali lenitive e antinfiammatorie. Il suo nome scientifico è Zizyphus vulgaris.

Miele di Melata

La melata è un liquido zuccherino secreto da insetti che si nutrono della linfa della pianta. Le api trovano le gocce di melata sulla superficie delle foglie e sui rami delle piante parassitate. Anche questo tipo di miele è composto principalmente da zuccheri, ma in esso è maggiore la percentuale di oligosaccaridi. Ricco di sali minerali, il Miele di Melata è indicato per chi fa sport e gradisce un miele non molto dolce. Inoltre è adatto a favorire i processi digestivi e diuretici; allevia i sintomi della bronchite e della tosse.

Miele arricchito di Propoli

Fin dal XVIII secolo l’utilizzo della propoli era diffuso nella medicina naturale in diversi paesi europei. La propoli è una sostanza resinosa bottinata dall’ape nelle gemme di certe piante: pioppi, betulle, salici, pini, abeti, querce, olmi, ontani. Alla propoli sono riconosciute proprietà antibatteriche, anestetiche, cicatrizzanti e antinfiammatorie. Le persone sane possono usare la propoli per aumentare le difese naturali dell’organismo. È composta da resine e balsami (50%), cera (25%), oli essenziali (10%), polline (5%), minerali diversi (5%), vitamine del gruppo B (5%). Le si riconoscono capacità di svolgere azione protettiva sui capillari sanguigni, di potenziare l’attività dell’acido ascorbico (vitamina C), di svolgere un ruolo importante nella diminuzione delle infiammazioni.

Miele di Tiglio

Conserva il sapore caratteristico del fiore, molto persistente e intenso. Possiede proprietà sedativa dei dolori mestruali. Le sue caratteristiche antipiretiche e sudorifere sono di aiuto in caso di raffreddore ed influenza; è anche indicato per tisane espettoranti. A chi soffre d’insonnia si consiglia l’uso del Miele di Tiglio nella tisana serale.